Venerdì, 08 Febbraio 2013 00:00

Come si festeggiava ai tempi del duca tra cena, ballo e foto

Articolo tratto da: La Nuova Ferrara del 08/02/2013  ed. Nazionale  p. 38  

carnevale

Uno squillo di trombe e un editto ufficiale. E' così che alla fine del 1400 il duca Ercole I d'Este amava dar inizio ai divertimenti del carnevale a Ferrara, autorizzando il popolo a mascherarsi e far festa. E così sarà anche in questo 2013, quando proprio un suono di trombe e la lettura di un editto ducale daranno il via, domani, agli eventi clou del "Carnevale Rinascimentale", con Ercole I ed i suoi cortigiani, impersonati dai figuranti del Palio, impegnati a festeggiare in centro storico assieme ai ferraresi e ai visitatori. I divertimenti, in pieno stile quattrocentesco, hanno iniziato ad animare la città già da ieri con le feste del "Giovedì grasso" in abiti d'epoca, tra banchetti, giochi e danze in alcuni dei palazzi storici della città, e proseguiranno fino a domenica, dando vita a un ricco calendario di eventi che coinvolgerà tutti. A curare la regia dell'evento il Comune di Ferrara che, col supporto dell'Unesco, ha coinvolto nell'organizzazione altri enti e istituzioni, tra cui Provincia, Università, Camera di Commercio, Ente Palio, Pro Loco ed Istituto scolastico Ipsia, oltre a numerose associazioni culturali e di categoria. La cena. Si svolgerà sempre domani, a partire dalle 20.30 presso la sede del circolo Negozianti (a Palazzo Roverella, in pieno centro storico a Ferrara) la cena rinascimentale, ideata e promossa dalla Pro Loco Ferrara nell'ambito del "Carnevale Rinascimentale" (che ricrea atmosfere, ambientazioni, concerti, giochi e... sapori del XV secolo nella raffinata Corte Ducale Estense. Per informazioni sulla serata basta chiamare lo 340 2833970; la cena ha un costo di 65 euro al quale, chi vorrà davvero tuffarsi nello sfarzoso passato, potrà aggiungerà il noleggio del costume per il ballo in costume d'epoca. Le fotografie. Presenti famosi fotografi ad immortalare la serata. Tra questi Heidi Brun, ginevrina di nascita e italiana d'adozione. Il romano Giovanni Coccia, fotografo sin da bambino quando seguiva il padre esperto di fotografia aerea. Poi ancora la blogger Gaia Conventi, fotografa da anni ma non si sente fotografa, bensì soltanto "Una che scatta e che, a volte, ha la fortuna di cogliere il momento buono". Il concerto. "O triumphale diamante", festa alla corte di Ercole I d'Este. Domenica alle 11 alla Sala degli Stemmi concerto gratuito con l'ensemble Bal'Danza ed intermezzi di danza rinascimentale.

Informazioni aggiuntive

Letto 1140 volte